Gregory Petsko

Relatori
Gregory Petsko
Harvard Medical School and Brigham & Women's Hospital

Gregory A. Petsko è professore di neurologia presso l'Ann Romney Center for Neurologic Diseases della Harvard Medical School e del Brigham & Women's Hospital di Boston. Dal 2012 al 2018 è stato professore di neurologia e neuroscienze Arthur J. Mahon presso il Weill Cornell Medical College di New York e direttore dell'Helen and Robert Appel Alzheimer's Disease Research Institute. È anche professore aggiunto di ingegneria biomedica alla Cornell University e professore emerito di biochimica e chimica Tauber alla Brandeis University. È sposato con la dottoressa Laurie Glimcher, presidente e amministratore delegato del Dana-Farber Cancer Institute. È stato eletto membro della National Academy of Sciences, della National Academy of Medicine, della American Academy of Arts and Sciences e della American Philosophical Society. È Past-President della Società Americana di Biochimica e Biologia Molecolare e dell'Unione Internazionale di Biochimica e Biologia Molecolare. Ha fondato diverse società quotate in borsa e fa parte dei consigli scientifici di Retromer Therapeutics, MeiraGTx, Amicus Therapeutics, Proclara Biosciences e QR Pharma. Tra i suoi numerosi riconoscimenti figurano il Premio Max Planck, il Premio Pfizer dell'American Chemical Society, il Premio Buerger dell'American Crystallographic Association e la Medaglia Fyodor Lynen.

Gli interessi di ricerca del suo gruppo si concentrano sullo sviluppo di trattamenti per le malattie neurodegenerative legate all'età, tra cui la SLA (morbo di Lou Gehrig), le malattie di Alzheimer e Parkinson, le tauopatie e le demenze frontotemporali. Le sue conferenze pubbliche sull'invecchiamento della popolazione e le sue implicazioni per la salute umana hanno attirato un vasto pubblico su Internet (uno dei suoi discorsi TED, ad esempio, è stato visto più di un milione di volte). Ha anche scritto una rubrica molto letta e ristampata su scienza e società, i cui primi dieci anni sono disponibili in forma di libro. Ammette, tuttavia, che le rubriche scritte dai suoi due cani, Mink e Clifford, sono molto più popolari di quelle che scrive lui stesso.

33437,33439,33486,33443,33445,33527,33531,33634,33673,33762,33776,33886,33814,33822,33845,33850,33855,33862,33869,34343,34557,33935,33961,33983,34005,34027,34049,34071,34093,34294,34185,34904,34965,34968,35037,35069,42180,42183,42189,42192,42196,42203,42276,42289,42452,42466,43804,47207,48786,48788,48789,48790,48791,48784,48785,48919,48938,48959,49035,49065,49249,49651,49715,52876,62123,49265,49267,49269,49374,49376,49378,49451,49468,49457,49474,61413,61416,61419,61422,61715,61717,61709,61719,61711,61712,61713,61726,61723,61724,61725,65643,65644,65645,65646,65647,66836,66838,66839,66840,66904,66905,66906,66907,70969,70974,70976,71042,71057,71116,71123,71125,71127,71129,71131,71133,71135,71221,71222,71223,71410,71446,71491,71524,71532,71570,71609,71633,71657,71664,71667,71715,71741,73676,74775,75593,78505,78682,78918,78919,78920,78921,78922,78923,79029,82290,82294,84163,87438,87439,87440,87441,87442,87443,87687,87688